Get Adobe Flash player
Banner

ORARI di Apertura

Dal 01 Novembre 2017

Sede
Via E.Manca di Mores,19

SOLO PER APPUNTAMENTO

Lunedì, Mercoledì e Venerdì mattina:
10:00 - 12:30

Martedì e Giovedì, sera:
16:30 - 18:30

Per appuntamenti:
tel 079 9577620 -0796041341 -0790976132
fax 079 9577622
email caf.lipunti@gmail.com


Cerca

News da Agenzia Entrate

  • Risposta all'interpello 342 del 2019
    Interpello Art. 11, comma 1, lettera a) legge 27 luglio 2000, n. 212 - Applicazione delle Imposte di registro, ipotecaria e catastale in misura fissa ai trasferimenti di beni effettuati nell'ambito di operazioni di riorganizzazione tra enti appartenenti alla medesima struttura organizzativa - Articolo 1, comma 737, della legge 27 dicembre 2013 n. 147
  • Risposta all'interpello 341 del 2019
    Abuso del diritto - Costituzione di una newco seguita dalla cessione a newco delle quote previamente rivalutate e dalla fusione inversa. - Articoli 2, comma 2, del decreto-legge 24 dicembre 2002, n. 282 e s.m., 47 comma 7 del TUIR - Articolo 10-bis della legge 27 luglio 2000, n. 212
  • Risposta all'interpello 340 del 2019
    Art. 11,comma 1 lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Applicazione del regime della cedolare secca alle locazioni di immobili commerciali classificati nella categoria catastale C/1 - Articolo 1, comma 59, della legge n. 145 del 2018
  • Risposta all'interpello 339 del 2019
    Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Trasferibilità delle posizioni creditorie derivanti dai versamenti in acconto dell’imposta sulle assicurazioni nell’ambito di una operazione di conferimento di rami di azienda tra soggetti UE che svolgono attività assicurativa in Italia in libera prestazione di servizi di cui alla legge 29 ottobre 1961, n. 1216
  • Risposta all'interpello 343 del 2019
    Istanza multipla – Articolo 11, lett. c) della legge 27 luglio 2000, n. 212 - Valutazione antiabuso di un’operazione di scissione totale finalizzata al passaggio generazionale - Articolo 11, lett. a) della legge 27 luglio 2000, n. 212 - Neutralità fiscale del concambio dei soci in una scissione in cui una parte delle azioni emesse sono gravate da diritti di usufrutto Articolo 173 del d.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 e articolo 3, comma 4-ter, primo periodo, del decreto legislativo n. 346 del 1990
  • Aggiornamenti Fisco E Tasse

    La tua Guida per un Fisco Semplice
  • Tessera sanitaria: cosa succede quando si perde. Le Entrate chiariscono
    Dubbi fattura elettronica 2019Tessa sanitaria: ecco come chiedere il duplicato secondo le indicazioni dell'Agenzia delle Entrate.
  • CIG in deroga: istruzioni per le aziende
    contributi inps gestione separata aliquoteNuovo termine di decadenza dei pagamenti diretti dei trattamenti di integrazione salariale in deroga. Circolare INPS n. 120 2019
  • Fatture elettroniche di agosto:come emettere la fattura differita entro il 15.09
    servizi web agenziaFatture elettroniche: per le prestazioni di servizi di agosto possibile sfruttare la fattura differita così da avere tempo fino al 15 settembre
  • I Documenti più recenti

  • Decreto Semplificazioni: il testo definitivo

     

    Il Consiglio dei Ministri ha varato il testo definitivo delle semplificazioni con novità sostanziali rispetto alle bozze in circolazione. Confermati...

  • Il modello RED

    Il Modello reddituale (Modello RED) è una dichiarazione che permette all’INPS e ad altri enti previdenziali (INPDAP, IPOST) di verificare...

  • Legge 68 del 12-03-1999

    Legge 12 marzo 1999, n. 68

    "Norme per il diritto al lavoro dei disabili"
    (Pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 57/L...

  • Legge 162 del 1998

    Legge 21 maggio 1998, n.162

    "Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 104, concernenti misure di sostegno in favore di persone...

  • Legge 104 del 1992

    LEGGE 104/92: COSA TRATTA?

    Questa legge, più nota comunemente come legge 104, si occupa:

     

    • dell’ Assistenza;
    • dell’ Integrazione Sociale;
    • dei Diritti.

     

    CHI E’ PERSONA CON HANDICAP

    Tutte...

  • Home Isee

    Studio Tributario Ingenito Tutto su ISEE -ISEEU

    Tutto ciò che si deve sapere su Isee e prestazioni agevolate collegate

    Isee 2019: simulazione calcolo ISEE Ordinario

    L'inps ha reso disponibile a tutti (non solo agli utenti registrati con PIN) un simulatore per il calcolo dell'ISEE ordinario a QUESTA PAGINA e degli altri indicatori ISEE specifici solo in alcuni casi.

    Nei casi di seguito riportati il valore degli ISEE specifici coincide con quello dell'ISEE ordinario permettendo l'utilizzo di quest'ultimo anche per l'accesso alle seguenti prestazioni:

    • Prestazioni agevolate rivolte a minorenni o a famiglie con minorenni, limitatamente ai seguenti casi:
      • Genitori tra loro conviventi, coniugati, separati legalmente o divorziati
      • Genitore non convivente con il nucleo del figlio minorenne che soddisfi una delle seguenti condizioni:
        • sia tenuto a versare assegni di mantenimento a favore del figlio
        • sia stato escluso dalla potestà sul minore, o sia stato adottato il provvedimento di allontanamento dalla residenza familiare
        • sia stata accertata dall'autorità competente la estraneità in termini di rapporti affettivi ed economici
    • Prestazioni socio sanitarie non residenziali
    • Prestazioni socio sanitarie residenziali se sussistono entrambe le seguenti condizioni:
      • non è necessario calcolare la componente aggiuntiva relativa ai figli non rientranti nel nucleo del beneficiario
      • non sono state effettuate donazioni di immobili dal beneficiario nei confronti di persone non comprese nel nucleo familiare
    • Prestazioni per il diritto allo studio universitario, limitatamente ai seguenti casi:
      • studente autonomo ai sensi dell'art. 8, comma 2 del DPCM 159/2013 che dichiari nucleo a sè;
      • studente convivente nel nucleo della famiglia di origine e che abbia genitori coniugati o conviventi;
      • studente non coniugato e senza figli, non convivente con la famiglia di origine, a carico di quest'ultima e che abbia genitori coniugati e conviventi
    • Corsi di dottorato di ricerca
    IL CALCOLO non ha alcun valore certificativo, è solo un  calcolo Indicativo!

    Isee: come ottenere l'attestazione ISEE dal sito INPS

    Se il vostro CAF vi ha compilato la DSU (dichiarazione sostitutiva unica) e volete verificare se è presente l'attestazione ISEE sul sito INPS potrete, se in possesso del PIN DISPOSITIVO INPS (che potrete richiedere su www.inps.it oppure, ancor più velocemente se vi presentate alla sede INPS più vicina per la richiesta e la consegna immediata) seguire questi semplici passaggi:

     

    1) andate qui: https://servizi2.inps.it/servizi/Iseeriforma/FrmSimOrdHome.aspx

    2) nella finestra che appare, andate nel riquadro "consultazioni" e cliccate sul pulsante "ricerca Avanzata"

    3) sulla finestra che vi apparirà inserite il vostro codice fiscale ed il vostro PIN INPS dispositivo (8 cifre, sono 16 se accedete per la prima volta)

    4) dopo esservi autenticati nella finestra "Cerca dichiarazioni per" cliccate sul pulsante "avvia la ricerca"

    5) vi comparirà il risultato della ricerca, cioè una stringa del tipo "INPS-ISEE-2017-000000000-00" ed a fianco una serie di pulsanti tra cui "DSU" (che se premuto vi darà copia in pdf della DSU presentata al CAF) ed il pulsante "Att." che vi consentirà se premuto, di scaricare la vostra Attestazione ISEE in formato pdf.

    Istruzioni aggiornate al nuovo portale INPS online dal 03 Aprile 2017

     

    ISEE: Attestato dopo 10 giorni, problematiche riscontrate e riferimenti normativi

    Con la riforma dell'Indicatore di Situazione Economica Equivalente (comunemente conosciuto con l'acronimo ISEE) operata dal DPCM 5/12/2013 n. 159, è previsto che il calcolo dell'indicatore suddetto non venga più operato dal CAF o dall'ente, ma direttamente dall'INPS e reso disponibile entro 10 giorni lavorativi dalla data di trasmissione della DSU (dichiarazione sostitutiva unica) all'INPS stesso. Il decreto su menzionato, all'art 11 comma 9 prevede che il richiedente la prestazione agevolata , nel caso sia imminente la scadenza possa presentare la domanda per tale prestazione con la sola ricevuta di presentazione della DSU, sarà poi l'ente erogatore ad acquisire la attestazione ISEE interrogando il sistema informativo ovvero, laddove vi siano impedimenti, richiedendola al dichiarante.

    ATTENZIONE: nel decreto non è stabilito che sia necessario il protocollo INPS riportato nella ricevuta, altrimenti si vanificherebbe lo spirito del citato art 11 c.9 in quanto i CAF o gli enti erogatori  prestazioni agevolate non possono avere immediatamente il protocollo INPS, ma devono attendere l'invio telematico della DSU che in genere avviene cumulativamente e non tutti i giorni.

    A parere di questo Studio quindi i bandi che prevedono l'immediato calcolo ISEE da indicare nella domanda stessa, pena esclusione o penalizzazione in graduatoria per la richiesta di prestazioni agevolate non rispondono al dettato del citato art. 11 c.9.

     

    Studio Tributario Ingenito

    Via E. Manca di Mores, 19

    Loc li Punti SASSARI

    Tel 079 9577620

    fax 079 9570685

    email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

     

     

    ISEE 2019: Documenti da presentare per il modello

    ATTENZIONE NOVITA' SCADENZA  ISEE 2019: La dichiarazione ISEE per il primo periodo del 2019 avrà validità fino al 31 DICEMBRE 2019. In seguito cambieranno sia la scadenza che le modalità di presentazione. Si attende una circolare INPS in merito

    Attenzione: dal  1 Gennaio 2015 la presente lista ha subito dei cambiamenti a causa del rinnovato ISEE 2015 di cui parliamo ampiamente in altro articolo.

    Il modello ISEE ( o meglio Dichiarazione Sostitutiva Unica o DSU) serve per poter accedere a prestazioni agevolate di Enti pubblici, rateazione debiti tributari, concorsi per il collocamento lavorativo, ed altro ancora. E' necessario indicare i dati fiscali , di reddito e patrimonio di tutti i componenti del nucleo familare (e NON solo quelli del dichiarante),in particolare:

    Leggi tutto...

    ISEE 2015: parte la rivoluzione nell'indicatore di reddito e patrimonio

    Dal  Gennaio 2015 entrerà a regime il nuovo indicatore ISEE,il nuovo calcolo sarà  da noi reso disponibile dopo la prima metà del Gennaio 2015 .

    Di seguito, elencati i principali cambiamenti rispetto alla situazione attuale: se da una parte aumenta il peso di prima casa e altri fabbricati (valore IMU invece che valore ICI da indicare in dichiarazione) ed indicazione di redditi esenti da imposta; dall'altro consente di detrarre alcune spese come ad esempio quelle per disabili e non solo.

    Leggi tutto...

    Nuova Disciplina ISEE - approvata e valevole dal Gennaio 2015

    Finalmente vedrà la luce, a partire da Gennaio 2015 la tanto attesa (!) riforma dell'indicatore di reddito e patrimonio ISEE.

    Il Consiglio dei ministri già nel 2011,  ha varato le nuove norme per calcolare l'Indicatore della situazione economica equivalente (ISEE), il coefficiente con il quale viene misurata la ricchezza delle famiglie e in base al quale vengono assegnati i diritti ad accedere alle prestazioni sociali in misura ridotta o piena. Verrà limitata l’autocertificazione e aumenteranno i controlli sul patrimonio.

    Tra le novità la riforma dell'Isee

    Leggi tutto...

    Bonus Elettrico

    (tratto da http://www.autorita.energia.it/it/bonus_sociale.htm)

    CHE COS'E'IL BONUS SULLA BOLLETTA ELETTRICA?

    E' uno strumento introdotto dal Governo e reso operativo dall'Autorità per l'energia con la collaborazione dei Comuni, per garantire alle famiglie in condizione di disagio economico e alle famiglie numerose un risparmio sulla spesa per l'energia elettrica. Il bonus elettrico è previsto anche per i casi di disagio fisico, cioè per i casi in cui una grave malattia costringa all'utilizzo di apparecchiature elettromedicali indispensabili per il mantenimento in vita.

    PER IL 2017 NOVITA'

    Il decreto ministeriale  MISE 29/12/2016 ha ha innalzato la soglia di indicatore ISEE a 8107,05 euro invece che, come previsto in precedenza 7500,00 euro (si allega decreto).


    CHI HA DIRITTO AL BONUS ELETTRICO

    Possono accedere al bonus tutti i clienti domestici intestatari di un contratto di fornitura elettrica, per la sola abitazione di residenza, con potenza impegnata fino a 3 kW per un numero di familiari con la stessa residenza fino a 4, o fino a 4,5 Kw, per un numero di familiari con la stessa residenza superiore a 4, e:

    • appartenenti ad un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 8.107,5 euro (dal 2017);
    • appartenenti ad un nucleo familiare con più di 3 figli a carico e ISEE non superiore a 20.000 euro
    • presso i quali viva un malato grave che debba usare macchine elettromedicali per il mantenimento in vita. in questo caso senza limitazioni di residenza o potenza impegnata.

    SE DOVESSI CAMBIARE FORNITORE DI ENERGIA, il Bonus Continuerebbe ad essere erogato?

    Sì, il bonus Verrà erogato sino alla scadenza (12 mesi per disagio economico,per disagio fisico illimitato se non variano le condizioni)


    QUANTO VALE IL BONUS ELETTRICO

    Nel caso di famiglie in condizioni di disagio economico e per le famiglie numerose, il bonus consente un risparmio pari a circa il 20% della spesa annua presunta (al netto delle imposte) per una famiglia tipo. Il valore è differenziato a seconda del numero dei componenti della famiglia.
    per l'anno 2016 è di

      • Numerosità familiare 1-2 componenti € 80
        Numerosità familiare 3-4 componenti
        € 93
        Numerosità familiare oltre 4 componenti
        € 153

        (fonte: Autorità Energia e Gas)

      • per i soggetti in gravi condizioni di salute il valore del bonus per l'anno 2015 è suddiviso per 3 livelli che dipendono dalla potenza contrattuale, apparecchiature elettromedicali salvavita utilizzate e tempo di giornaliero di utilizzo (euuro/anno per punto prelievo):

      • FASCIA MINIMA

        FASCIA MEDIA

        FASCIA MASSIMA

        extra consumo rispetto a utente tipo (2700/kWh/anno) fino a 600 kWh/anno
        tra 600 e 1200 kWh/anno oltre 1200 kWh/anno
        fino a 3 kW
        € 175
        € 288
        € 417
        oltre 3 kW (da 4,5 kW in su)
        € 410
        € 519 € 628

        (fonte Autorità Energia e Gas)

      COME RICHIEDERE IL BONUS ELETTRICO

    Al momento della dichiarazione ISEE presso il nostro centro CAF CONFASI SASSARI chiedete se avete diritto al Bonus e come fare per ottenerlo.


    Siamo in Via Ettore Manca di Mores n. 19 a Sassari Loc Li Punti

    tel 079 9577620 fax 0799570685

    email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


       

    Allegati:
    FileDescrizioneDimensione del File
    Accedi a questo URL (https://cdn.fiscoetasse.com/upload/Decreto_ministeriale_del_29dicembre2016.pdf.pdf)Decreto_ministeriale_del_29dicembre2016.pdf.pdf 0.1 Kb

     

    I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza . I ccookies impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per visualizzare come vengono trattati i cookies dal nostro sito e come eliminarli,visualizza la nostra privacy policy.

    Accetto i cookies da questo sito.

    EU Cookie Directive Module Information