Get Adobe Flash player
Banner

ORARI di Apertura

Dal 01 Novembre 2017

Sede
Via E.Manca di Mores,19

SOLO PER APPUNTAMENTO

Lunedì, Mercoledì e Venerdì mattina:
10:00 - 12:30

Martedì e Giovedì, sera:
16:30 - 18:30

Per appuntamenti:
tel 079 9577620 -0796041341 -0790976132
fax 079 9577622
email caf.lipunti@gmail.com


Cerca

News da Agenzia Entrate

  • Risposta all'interpello 342 del 2019
    Interpello Art. 11, comma 1, lettera a) legge 27 luglio 2000, n. 212 - Applicazione delle Imposte di registro, ipotecaria e catastale in misura fissa ai trasferimenti di beni effettuati nell'ambito di operazioni di riorganizzazione tra enti appartenenti alla medesima struttura organizzativa - Articolo 1, comma 737, della legge 27 dicembre 2013 n. 147
  • Risposta all'interpello 341 del 2019
    Abuso del diritto - Costituzione di una newco seguita dalla cessione a newco delle quote previamente rivalutate e dalla fusione inversa. - Articoli 2, comma 2, del decreto-legge 24 dicembre 2002, n. 282 e s.m., 47 comma 7 del TUIR - Articolo 10-bis della legge 27 luglio 2000, n. 212
  • Risposta all'interpello 340 del 2019
    Art. 11,comma 1 lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Applicazione del regime della cedolare secca alle locazioni di immobili commerciali classificati nella categoria catastale C/1 - Articolo 1, comma 59, della legge n. 145 del 2018
  • Risposta all'interpello 339 del 2019
    Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Trasferibilità delle posizioni creditorie derivanti dai versamenti in acconto dell’imposta sulle assicurazioni nell’ambito di una operazione di conferimento di rami di azienda tra soggetti UE che svolgono attività assicurativa in Italia in libera prestazione di servizi di cui alla legge 29 ottobre 1961, n. 1216
  • Risposta all'interpello 343 del 2019
    Istanza multipla – Articolo 11, lett. c) della legge 27 luglio 2000, n. 212 - Valutazione antiabuso di un’operazione di scissione totale finalizzata al passaggio generazionale - Articolo 11, lett. a) della legge 27 luglio 2000, n. 212 - Neutralità fiscale del concambio dei soci in una scissione in cui una parte delle azioni emesse sono gravate da diritti di usufrutto Articolo 173 del d.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 e articolo 3, comma 4-ter, primo periodo, del decreto legislativo n. 346 del 1990
  • Aggiornamenti Fisco E Tasse

    La tua Guida per un Fisco Semplice
  • Tessera sanitaria: cosa succede quando si perde. Le Entrate chiariscono
    Dubbi fattura elettronica 2019Tessa sanitaria: ecco come chiedere il duplicato secondo le indicazioni dell'Agenzia delle Entrate.
  • CIG in deroga: istruzioni per le aziende
    contributi inps gestione separata aliquoteNuovo termine di decadenza dei pagamenti diretti dei trattamenti di integrazione salariale in deroga. Circolare INPS n. 120 2019
  • Fatture elettroniche di agosto:come emettere la fattura differita entro il 15.09
    servizi web agenziaFatture elettroniche: per le prestazioni di servizi di agosto possibile sfruttare la fattura differita così da avere tempo fino al 15 settembre
  • I Documenti più recenti

  • Decreto Semplificazioni: il testo definitivo

     

    Il Consiglio dei Ministri ha varato il testo definitivo delle semplificazioni con novità sostanziali rispetto alle bozze in circolazione. Confermati...

  • Il modello RED

    Il Modello reddituale (Modello RED) è una dichiarazione che permette all’INPS e ad altri enti previdenziali (INPDAP, IPOST) di verificare...

  • Legge 68 del 12-03-1999

    Legge 12 marzo 1999, n. 68

    "Norme per il diritto al lavoro dei disabili"
    (Pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 57/L...

  • Legge 162 del 1998

    Legge 21 maggio 1998, n.162

    "Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 104, concernenti misure di sostegno in favore di persone...

  • Legge 104 del 1992

    LEGGE 104/92: COSA TRATTA?

    Questa legge, più nota comunemente come legge 104, si occupa:

     

    • dell’ Assistenza;
    • dell’ Integrazione Sociale;
    • dei Diritti.

     

    CHI E’ PERSONA CON HANDICAP

    Tutte...

  • Home

    Legge 104 del 1992

    LEGGE 104/92: COSA TRATTA?

    Questa legge, più nota comunemente come legge 104, si occupa:

     

    • dell’ Assistenza;
    • dell’ Integrazione Sociale;
    • dei Diritti.

     

    CHI E’ PERSONA CON HANDICAP

    Tutte quelle persone che, a causa del proprio stato,subisce una condizione tale da determinare un processo:

     

    • di svantaggio sociale;
    • di emarginazione;

     

    Il concetto di handicap non sostituisce mai va ad innovare,il concetto di invalido civile poichè guarda all’uomo nella sua globalità in rapporto con la società che gli è intorno.

     

    I BENEFICI PREVISTI DALLA LEGGE 104/92

    L’ intento della Legge 104 è quello di superare gli ostacoli che si frappongono tra le persone con handicap ed una loro migliore integrazione agendo nel modo più mirato possibile, con benefici tendenti a favorire il più completo inserimento della persona con handicap nel contesto sociale.

    Di facile intuizione risulta il fatto che parte dei benefici sono fruibili da tutte le persone con handicap mentre altri benefici sono riconosciuti in relazione alla gravità dell’handicap. In realtà alcuni benefici sono previsti da altre disposizioni che però dipendono dal riconoscimento di persona handicappata. I benefici che si possono ottenere tramite la Legge 104 sono :

    AGEVOLAZIONI LAVORATIVE

    portatore di handicap legge 104/92 art. 33, 6° comma possibilità di scelta di:

     

    • n. 3 giorni di permesso mensile
    • in alternativa è ammissibile solo in mesi diversi
    • n.2 ore di permesso al giorno

     

    PERMESSI  LAVORATIVI

    Persone che assistono con continuità un familiare in situazione di gravità Legge 104/92 art.33 comma 3 come previsto dal citato articolo possono fruire di tre giorni mensili di permesso  per parente o affine entro il terzo grado di parentela convivente (nonché il coniuge) di una persona disabile riconosciuta in situazione di gravità ai sensi dell' art. 3 comma 3 della legge 104/1992.

    AGEVOLAZIONI PER I GENITORI

    Legge 104 art, 1, 2, 3

    Figlio minore di 3 anni:

     

    • Prolungamento astensione facoltativa, non ricoverato in istituti specializzati.
    • Alternativa riposi orari (2 ore giornaliere).

     

    Figlio minore tra i 3 e i 18 anni:

     

    • Permesso mensile di 3 giorni

     

    La domanda deve essere presentata all'INPS ( ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE ) di appartenenza o tramite Patronato alla domanda deve essere allegata la certificazione rilasciata dall'ASL dalla quale risulta il riconoscimento di stato di handicap ai sensi dell' art.3 comma 3 della legge 104/1992. Per maggiori informazioni visitate QUESTA PAGINA del sito INPS.

    AGEVOLAZIONI:

     

    • Detrazioni fiscali;
    • Detrazioni di spese sanitarie;
    • IVA agevolata al 4% per l’acquisto di protesi, sussidi
    • e strumenti tecnologici (telefono cellulare, computer );
    • l’esenzione dal pagamento della tassa governativa telefonia mobile;
    • IVA agevolata al 4% per l’acquisto e la trasformazione di veicoli per il trasporto di persone
    • con handicap;
    • l’esenzione dal pagamento del bollo auto;
    • Permessi lavorativi retribuiti per la persona con handicap grave ,o per chi assiste un famigliare con
    • handicap in stato di gravità.

     

    RICONOSCIMENTO

    Per essere riconosciuti come portatori di handicap, ai sensi della Legge 104/92, bisogna sottoporsi a visita medica presso una apposita Commissione mista dell’Azienda USL dove assieme a quella del medico compaiono altre professionalità come quella dello psicologo/psichiatra, dell’assistente sociale e del medico di categoria onde valutare da più punti di vista ogni singolo caso. E’ prevista la possibilità di visite domiciliari per quelle persone con documentata impossibilità ad essere trasportate.

    Per le visite domiciliari la domanda va inoltrata direttamente alla Segreteria della Commissione Invalidi Civili presentando una certificazione medica che espliciti l’assoluta incapacità della persona handicappata. Per prenotare la visita ci si rivolge ad un patronato o presso un centro di prenotazione, dotati di un a certificazione medica del medico curante o dello specialista che richiede tale visita.

    COSA E’ NECESSARIO

    Una volta prenotata la visita, occorre presentarsi alla visita della Commissione forniti della seguente documentazione:

     

    • un documento di riconoscimento valido (documento d’identità, patente),
    • il foglio di prenotazione,
    • domanda in triplice copia;
    • tutta la documentazione medica relativa alla patologia dichiarata.

     

    E POI ?

    Le risultanze della visita danno origine ad un documento (unico non ripetibile quindi per qualsiasi utilizzo usare una fotocopia) che esprime il parere della Commissione sul caso esaminato.

    Questo parere sarà poi inviato per un ulteriore vaglio alla Commissione Medica Periferica che potrà esprimere:

    PARERE DISCORDE

    - Se il parere risulta discorde la Commissione di controllo può fissare una visita di accertamento;

    PARERE FAVOREVOLE

    - Se il parere risulta favorevole si completa l’iter della pratica.

    In entrambi i casi il malato riceve comunicazione con la spedizione del verbale a mezzo di raccomandata A.R.

    presso il proprio indirizzo.

     

    (tratto da: http://www.atmarpisa.it/legge104.pdf)

     

    I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza . I ccookies impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per visualizzare come vengono trattati i cookies dal nostro sito e come eliminarli,visualizza la nostra privacy policy.

    Accetto i cookies da questo sito.

    EU Cookie Directive Module Information